Il Concorso

Giunto alla sua XIII edizione, il Concorso Letterario nazionale Giana Anguissola premia ogni anno racconti e romanzi inediti di scrittori emergenti ed esordienti destinati alle fasce di lettori 6-9 e 9-12 anni.

Il Concorso è promosso dal Comune di Travo (Pc) e organizzato in collaborazione con la rivista Andersen, il più noto mensile italiano dedicato alla cultura per bambini e ragazzi.

Sezioni

Il Concorso letterario nazionale Giana Anguissola prevede due sezioni:

A) – ROMANZI INEDITI PER RAGAZZI per la fascia 9-12 anni: un romanzo di minimo 40 e massimo 100 cartelle.

B) – RACCONTI INEDITI PER RAGAZZI per la fascia 6-9 anni: lunghezza da 3 a 5 cartelle

Partecipazione

Il concorso è aperto a tutti gli autori maggiorenni, sia esordienti, sia autori di pubblicazioni in qualsiasi forma.

Ogni partecipante può concorrere per la sezione di riferimento (A o B) con scritti inediti in lingua italiana rivolti rispettivamente alle fasce di lettori 9-12 anni (A – romanzi) e 6-9 anni (B – racconti).

L’iscrizione è gratuita e il primo premio è di 1.500 euro.

La scadenza del Concorso è il 31 maggio 2022.

Spedizione: ogni autore/autrice deve inviare il testo completo e definitivo dell’opera in formato elettronico (file .pdf), insieme all’Allegato A compilato e firmato, al Regolamento firmato per accettazione e alla copia del proprio documento di identità a: segreteria@gianaanguissolatravo.it entro la mezzanotte del 31 maggio 2022.

La Segreteria organizzativa, una volta ricevuto l’elaborato, invierà un’e-mail di risposta per confermare che la spedizione è andata a buon fine. Se non si riceve alcuna risposta entro tre giorni lavorativi, si prega di chiamare il numero +39 328 9589700 per verificare la spedizione.

Per tutti i dettagli scarica il Regolamento integrale e l’allegato A.

Per eventuali richieste di chiarimenti o ulteriori informazioni puoi rivolgerti alla Segreteria del Premio via e-mail all’indirizzo segreteria@gianaanguissolatravo.it o chiamando il numero + 39 328 9589700

Scarica il bando
Scarica Allegato A

Giuria

La selezione delle opere vincitrici sarà valutata da una giuria presieduta da Daniele NOVARA (pedagogista/scrittore) e composta da:

Giurati: Barbara SCHIAFFINO (direttrice della rivista “Andersen”); Carla Ida SALVIATI (studiosa di letteratura giovanile/saggista); Rosella PARMA (già Responsabile del Servizio Biblioteche del Comune di Piacenza); Valeria DEPALMI (bibliotecaria del Comune di Travo); Roberta CHIAPPONI (docente); Giorgio EREMO (storiografo); Giovanni Battista MENZANI (architetto/scrittore).

Giurati d’onore: Pietro VISCONTI (direttore del Quotidiano Libertà); Adele MAZZARI (fondatrice del Concorso); Riccardo KUFFERLE (figlio di Giana Anguissola); Gaetano RIZZUTO (già direttore del Quotidiano Libertà).

Premi

SEZIONE A (NARRATIVA)

1° Premio: 1.500 Euro
2° Premio: 400 Euro
3° Premio: buono acquisto libri del valore di 250 Euro

 

SEZIONE B (RACCONTI)

1° Premio: buono acquisto libri del valore di 200 Euro.
2° Premio: confezione di prodotti locali – Ingresso per 4 persone al Parco “Villaggio Neolitico” e al Museo Archeologico di Travo
3° Premio: confezione prodotti locali

 

LA SERATA DI PREMIAZIONE si svolgerà a Travo sabato 3 settembre 2022 durante il “Mini festival di letteratura per bambini e ragazzi”.

 

Per tutti i dettagli scarica il Regolamento integrale e l’allegato A.

Un tributo alla grande scrittrice Giana Anguissola

Il Comune di Travo bandisce il Concorso di letteratura per ragazzi intitolato a Giana Anguissola per la prima volta nel 2009. L’obiettivo è quello di rendere omaggio alla grande scrittrice di origine piacentina e valorizzare il rapporto intenso che ebbe con Travo, un delizioso paese lambito dal fiume Trebbia e abbracciato dalle colline piacentine.

La Siura Giana e il suo legame con Travo

L’Anguissola nasce a Piacenza nel 1906 e la sua carriera gravita su Milano, città in cui si trasferisce dopo il matrimonio con Rinaldo Kufferle. A Travo, l’Anguissola approda nel 1948, forse in seguito a una malattia del figlio Riccardo. La residenza dovrebbe essere temporanea, ma la scrittrice presto si inserisce nella vita del paese, stringe grandi amicizie, ristruttura e abita, nei weekend e durante le estati, la torre rotonda del castello, allora sede delle scuole elementari

Dall’alto della torre, raccontano le maestre di allora, si sentiva il ticchettio costante della macchina da scrivere della “Siura Giana”, che da lì redige i suoi articoli per il quotidiano di Piacenza Libertà e scrive il suo piccolo capolavoro Il mistadello del Signor Barberi. Oggi quella casa è un museo aperto a tutti.

A Giana Anguissola, il Comune di Travo ha intitolato una via del paese e dedicato questo concorso.

Biografia giana anguissola